Nello scorso week end il Guagliardo Historic Porsche Team è stato impegnato nello stivale su più fronti dal Nord di Cremona al profondo Sud di Chiusa Sclafani in provincia di Palermo. Notte di gara al “Circuito di Cremona – Memorial Mariagrazia Donato”, sesto appuntamento del Campionato Italiano rally auto storiche, valido anche per l’Historic Rally Cup, i Trofei e le Coppe CSAI Rally Auto Storiche.

Il rally si è mosso tra le province di Cremona, Parma e Piacenza, seguendo un itinerario di 303,24 chilometri con tre prove speciali da ripetere tre volte, ed una prova spettacolo, in apertura.

Sono stati 10 i tratti cronometrati previsti, per una percorrenza complessiva di 72,70 chilometri.
Confermando una formula già proposta con successo le scorse edizioni, il rally è scattato da Piazza Duomo, a Cremona, la sera di sabato 10 luglio ed è proseguito per tutta la notte.
Da sempre la notte è elemento distintivo della gara cremonese, una delle ormai poche disputate in notturna, e ha visto al suo via i leader di campionato Marco Savioli ed Alessandro Failla, a bordo della consueta Porsche 911 gruppo 4 di secondo raggruppamento preparata come al solito dalle sapienti mani di “Mimmo” Guagliardo, sempre con i colori della scuderia palermitana A.S.P.A.S.

Savioli e Failla sono partiti subito bene, ma dopo la terza prova speciale un’anomalia alla scatola guida della loro Porsche li ha costretti ad alzare il piede, in modo da concludere la gara e portare in cascina altri punti che mantengono l’equipaggio di punta del Guagliardo Historic Porsche Team saldamente al comando del Campionato Italiano Rally Auto Storiche.

In terzo raggruppamento è stata più sfortunata la Porsche Carrera 3000 di Giuseppe Alfonzo e Simone Feraboli, ferma prima della partenza a causa della forma non ottimale del driver dell’Erice Historic Car. Sull’altro fronte a Chiusa Sclafani in provincia di Palermo, con lo svolgimento della mini prova speciale “Rizza” presso la zona artigianale, è scattato sabato pomeriggio il 1° Historic Rally Valle del Sosio.

Domenica si sono svolti i 72 chilometri che hanno composto le restanti 10 prove speciali in cartello “Prizzi” e “Santa Venera” (ripetute due volte), “Sant’Anna”e “San Carlo” (ripetute tre volte). All’arrivo di Chiusa Scalfani in piazza Santa Rosalia, “Gordon” e Salvatore Cicero hanno portato sul gradino più alto del podio di secondo raggruppamento la potente Porsche 911 del team Guagliardo, grazie ad una gara costante ed attenta che gli ha consentito anche di fare registrare il miglior tempo totale della gara. Nello stesso gruppo, dietro l’equipaggio Ateneo, la Porsche 911 Carrera colorata Class Driver Club condotta da Claudio e Francesco La Franca, abili a gestire con intelligenza tutta la gara.

Adesso “Mimmo” Guagliardo ed il suo team si sposteranno sulla pista di Misano per il quinto round del Tricolore Autostoriche, nella 2 Ore Classic insieme a Giosuè Rizzuto.