Nonostante la concorrenza del “cugino” Trofeo A112 Abarth, il Challenge Milletrè riesce comunque a proporre delle interessanti sfide e anche al Circuito di Cremona i colpi di scena non sono mancati. L’elenco degli iscritti si è arricchito delle presenze dei veloci dodicisti Alvise Scremin e Giorgio Sisani che si sono aggiunti agli altri otto equipaggi iscritti alla gara.

Nonostante non sia stata prevista la classifica “chilometri zero”, i fratelli Nicola e Davide Benetton si candidano per conquistarla: la loro gara è terminata ancor prima di iniziare. Portando la loro Fiat 127 Sport gr.2 al parco partenza hanno rilevato un rumore sospetto ed hanno preferito rinunciare a partire; quasi sicuramente si tratta della fusione di una bronzina del motore.

Gara sfortunata anche per i coniugi bresciani Massimo Giuliani e Claudia Sora appiedati da un problema di alimentazione sulla loro bellissima Lancia Fulvia HF 1.3. Stop anche per Massimo Panari e Stefano Vezzelli su A112 Abarth, fermati da problemi elettrici.
Un ritardo al c.o. dovuto alla sostituzione del motorino d’avviamento della Alpine Renault A110 ed altri piccoli inconvenienti hanno penalizzato la gara di Gigi Capsoni e Riccardo Ronzoni che non si demoralizzano e recuperando parecchie posizioni nella parte finale di gara, conquistano un secondo posto e punti preziosi per la classifica che ora li vede saldamente al comando.

Finalmente una gara senza problemi per Oreste Pasetto e Carlo Salvo che portano alla vittoria la Fiat 127 Sport gr.2 del Garage Autostoriche; con i punti acquisiti Pasetto si porta in seconda posizione tra i piloti e Salvo al quarto tra i navigatori.

Completa il podio il neo iscritto Giorgio Sisani protagonista anche nel Trofeo A112 Abarth che fa guadagnare punti preziosi al suo navigatore Flavio Minozzi.

Al traguardo anche le A112 Abarth di Alvise Scremin, quella dei fratelli Alessio e Corrado Cerani e seppure penalizzata da problemi di alimentazione anche quella di Paolo Piacentini. Gara no per la Mini Cooper di Filippo Guardabassi costretto al ritiro durante il secondo giro delle prove.

Il calendario rimaneggiato dopo le molteplici variazioni avvenute durante la stagione, prevede un lungo periodo di sosta prima di riprendere col rush finale: si parte ad inizio settembre con l’Alpi Orientali del quale stiamo attendendo notizie e si concluderà sette settimane più tardi con la disputa del Due Valli a Verona.