Prosegue il cammino nel Campionato Italiano Rally Auto Storiche per Piero Carissimi. Ad Udine la gara del pilota ternano, è stata davvero sofferta specie nella parte finale della competizione. Ritrovato al suo fianco il navigatore toscano Andrea Cecchi, Carissimi iniziava molto bene la prima parte di gara nonostante le continue mutazioni delle condizioni meteo rendessero praticamente impossibile scegliere la giusta gommatura. La prima tappa si conclude con un buon vantaggio sul rivale Bucci e le previsioni fanno ben sperare per l’indomani.

Si riparte di buon’ora il sabato mattina e si affrontano le prove con gomme intermedie per non prender rischi in attesa di montare quelle da asfalto asciutto nella seconda parte della mattinata.

Le ultime tre speciali diventano una sofferenza per Piero Carissimi che comincia a lamentare dei problemi al cambio e alla scatola dello sterzo i quali consigliano una condotta di gara ancor più attenta. La buona sorte è comunque dalla parte dell’equipaggio dell’Opel Kadett preparata da Racing Garage di Tony Lentinu che anche grazie al ritiro di Bucci può risparmiare la meccanica e pensare a mantenere la leadership di classe. Un taglio un po’ troppo accentuato lascia il segno su due cerchi e proprio nell’ultima speciale un “taglio” nel fango fa perdere il controllo del posteriore con relativa botta, ma fortunatamente si tratta di soli danni di carrozzeria.

Ora ci si prepara per l’imminente Rally dell’Elba e nel frattempo si attendono gli aggiornamenti delle classifiche ufficiali del Campionato.