C’era un’epoca, neanche tanto lontana, in cui la segretaria della Pordenone Corse, nei mesi che precedevano il Rally Piancavallo. Attendeva con ansia l’arrivo del postino, pronta a firmare le ricevute di ritorno da restituire ai piloti che si erano iscritti alla gara.

Oggi non è più così. Tutto viaggia sul web e la rete permette di “monitorare” come sta andando la fase che precede la gara e l’orientamento dei piloti. Non è una novità che i grandi motori di ricerca di Internet sfruttino i dati sugli accessi ai siti da parte degli utenti per avviare campagne pubblicitarie “mirate”. Ma non è il caso del Rally Piancavallo Storico, i cui dirigenti della Scuderia Sagittario si sono limitati al conteggio delle schede di iscrizione che sono state scaricate dal sito Internet. Secondo le indicazioni pervenute dal web, per il rally storico sono state scaricate oltre 50 schede di iscrizione, 25 per le All Star (quelli che non gareggiano) e ben 82 per la Regolarità Sport, la nuova specialità varata dalla Csai nel 2010 che tanto interesse sta destando e che disputerà la sua gara in coda al Rally Piancavallo Storico. Sul fronte delle adesioni, sembra confermata la presenza dei primi tre all’arrivo del 2009: Massimo Guerra su Porsche e i due della Lancia Stratos, vale a dire Tony Fassina e Giorgio Costenaro.

Sacile, che sarà sede di partenza e arrivo, si appresta a vivere un intenso week end di fine ottobre. La gara scatta venerdì 29 e termina sabato 30.