Una delle più belle gare degli anni ’60 ritorna a far parlare di Arezzo e delle vallate aretine Presentato questa mattina presso la sede provinciale dell’Aci il 1° Historic Rally delle Vallate Aretine organizzato dall’ACI di Arezzo in collaborazione con la Scuderia Etruria. Si svolgerà nei giorni 18 e 19 Marzo 2011.

Si tratta di un importante appuntamento — dice il Presidente ACI Arezzo Bernardo Mennini– che segna il ritorno di una tra le più avvincenti gare della storia dell’automobilismo sportivo.
Il PRIMO RALLY STORICO ARETINO inserito nel Calendario Nazionale rappresenta una delle gare più attese del 2011 e sono attesi oltre 10.000 spettatori da tutta Italia e dall’estero
Grande attenzione sarà rivolta alla gara — continua Mennini — dai media e testate giornalistiche nazionali che seguiranno la gara per tutta la sua durata

Il Rally è un grande veicolo per promuovere il nostro territorio–dice il Direttore ACI Arezzo Stefano Vellone — muove un pubblico variegato fatto di famiglie che oltre ad assistere alla gara soggiorneranno nel nostro territorio.

Con la partenza da Piazza Grande il giorno 19 alle ore 9 e con le soste nel centro cittadino, Arezzo sarà protagonista in qui giorni di una grande promozione sportiva ma anche turistica. Nel pomeriggio a partire dalle ore 18, l’arrivo è sempre in Piazza Grande.

Gianni Pagliazzi – Consigliere ACI Arezzo – ribadisce l’importanza della sicurezza nelle gare di Rally, e sottolinea come la prossima gara garantisca standard elevati sia per i piloti che per gli spettatori

La gara vuole essere di esempio di come si possa conciliare sport, turismo ed al tempo stesso parlare di sicurezza alla guida.

Il percorso scelto oltre a ricordare le passate edizioni – dice Paolo Volpi Presidente della Scuderia Etruria – è molto bello e selettivo, i piloti troveranno difficoltà tecniche che andranno affrontate con grande impegno, — chiosa Piero Comanducci– i luoghi che saranno percorsi dal rally sono tra i più suggestivi della nostra provincia e spero che l’accoglienza che abbiamo loro riservato, sia un segno tangibile della nostra voglia di sorprendere sia partecipanti che pubblico. È l’occasione per ricordare Andrea Ulivi – continua Comanducci – al quale è dedicato un trofeo.

Le iniziative che abbiamo organizzato per questa manifestazione saranno molteplici.
Tra le più belle esibizioni quello del gruppo musici, degli Sbandieratori e della Filarmonica di Arezzo daranno la misura di quanto vogliamo fare e che il tutto sia più bello possibile.