Inizia con un triplice impegno nello stesso fine settimana la stagione rallystica 2011 per il Club. Alla prima edizione del Rally delle Vallate Aretine, corso nella giornata di sabato 19 marzo ad Arezzo, era iscritto coi colori del Club l’equipaggio formato da Alberto Salvini e Davide Tagliaferri occasionalmente in gara con una Ford Escort Rs gr.2.

La gara del nostro portacolori senese che portava al debutto l’amico Davide, stava andando nel migliore dei modi; ad una speciale dalla fine occupavano la quarta posizione assoluta e la prima di classe lasciandosi dietro vetture ben più performanti, quando a pochi metri dal termine dell’ultimo tratto cronometrato un principio di incendio ha messo fine ad una prestazione maiuscola. Ancora una gara da dimenticare per lo sfortunato Alberto. Le buone notizie non sono però mancate e sono arrivate dalla entusiasmante prestazione di Massimiliano Biagi e Michela Vitamia: settimi assoluti e primi di classe con l’Autobianchi A112 Abarth e con diverse vetture più performanti alle loro spalle!

Contemporaneamente a Borgo Valsugana faceva il suo debutto alla guida della Lancia Rally 037 gr. B l’equipaggio composto da Andrea Stefanacci e Roberto Bigoni. Presenza decisamente “anomala” visto che erano al via al Valsugana Rally ma nella gara di regolarità sport, ma lo scopo era di testare la vettura con la quale il pilota pratese affronterà il prossimo Rally Sanremo.

Mentre le prime due gare stavano terminando, a Spotorno in provincia di Savona partiva il prologo del Rally Riviera Ligure. Due erano gli equipaggi iscritti: quello formato da Simone Giombini e Federico Verna su Fiat 131 Abarth gr. 4 per i quali la gara è durata solo lo spazio delle prime due prove speciali a causa di un problema meccanico che ha fatto decidere per il ritiro. Sfortunata ma molto convincente la prestazione dei bresciani Oreste Pasetto e Carlo Salvo: con la Fiat 127 Sport gr.2 erano partiti fortissimo staccando addirittura il secondo tempo assoluto sulla speciale d’apertura corsa alla luce dei fari. A due prove dalla fine si trovavano in terza posizione assoluta ma una foratura causata dalla toccata contro una pietra obbligava l’equipaggio a fermarsi per sostituire la ruota con la conseguente perdita di una decina di minuti. Inevitabile lo sprofondare nelle retrovie della classifica. Restano comunque le prestazioni decisamente notevoli ottenute con una vettura di soli 1050 centimetri cubici.

La stagione prosegue con la preparazione dell’importante trasferta di inizio aprile a Sanremo dove saranno parecchi gli equipaggi in lizza alla caccia di un risultato di prestigio.