Il tanto temuto caldo torrido di fine luglio, sembra proprio non ci sarà nell’imminente fine settimana, quando a Brescia si correrà la quarta edizione del Rally 1000 Miglia Storico, valido per il Campionato Italiano Rally e quinto appuntamento del Challenge Rally Autostoriche.

Quattordici gli equipaggi iscritti e come nelle gare precedenti è il Trofeo A112 Abarth a registrare il numero più elevato di partecipanti. Saranno infatti undici “dodici” a prendere il via come di consueto in coda all’ultima vettura del rally. Assente il leader Alvise Scremin, sarà sfida aperta tra i diretti inseguitori: Giorgio Sisani e Flavio Minozzi se la dovranno vedere con Franco Beccherle e Giulia Benedetti, ma si dovranno guardare le spalle oltre che dalle sempre più convincenti Lisa Meggiarin e Barbara Carollo, anche dal regolare Marco Brunello in coppia col padre Renato e soprattutto da tre equipaggi che al 1000 Miglia faranno il loro esordio nel Trofeo. Si tratta dei vicentini Giorgio Santagiuliana ed Enrico Zoso molto veloci con le vetture moderne e dei due equipaggi provenienti dalla provincia di Bologna, formati da Agostino Vitamia in coppia con Alessandro Gianotti e Massimiliano Biagi navigato da Michela Vitamia.

Il primo, corse alcune gare del Trofeo 1980 piazzandosi nelle parti alte della classifica; il
secondo, Biagi si è messo in luce grazie a notevoli prestazioni velocistiche nelle poche gare in cui è stato presente di recente, come ad esempio il brillante settimo assoluto ottenuto a marzo ad Arezzo.

Esordio stagionale anche per il secondo equipaggio “under 28” quello formato da Alessandro Benfatto e Marco Parolin e per Manuel Oriella e Nicola Tosin. Tenteranno di ben figurare nella gara di casa Fabio ed Erika Vezzola e Ivan Camplani, bresciano d’origine ora trapiantato in Trentino in coppia con Anna Ferro. Per la prima volta non sarà in gara nessuna vettura della categoria “di serie”.

Il Challenge Lancia HF che sembrava aver dato segni di ripresa a Cremona, vede il solo equipaggio formato dai locali Massimo Giuliani e Claudia Sora con la Fulvia HF 1.3, sicuramente il duo che più ha creduto nell’iniziativa. Anche per l’Opel Challenge ci si aspettavano numeri “confortanti”: tutta da seguire, comunque, la sfida casalinga le Kadett Gt/e gr.2 dei leaders Nicholas Montini e Michele Ognibeni che dovranno vedersela con Umberto Nenna ed Enrico Favero.