E’ in pieno corso la pacifica invasione dell’Isola d’Elba da parte della trentina di equipaggi del Team Bassano iscritti alla gara. Ma prima di partire per il penultimo appuntamento del Campionato Italiano Rally Autostoriche il Team è rientrato dal Rallye San Martino di Castrozza dove ha conquistato la Coppa per la miglior scuderia classificata e festeggiato per le belle prestazioni di Claudio Zanon e Maurizio Crivellaro secondi assoluti con la Porsche 911 RSR gr.4 e anche per il quinto assoluto di Nereo Bonollo e Flavio Sella su Fiat 131 Racing gr.2.

Nella top-ten anche l’Alfetta Gt gr.2 di Gianluigi Baghin e Martina Mastella, la Lancia Fulvia dei veloci Alessandro Ferrari e Piero Commellato e la Porsche 911 S gr.4 di Roberto Bordignon e Paola Pisetta. Applausi anche per la bella gara del debuttante Egidio Lucian navigato da Giorgio Fichera sulla Fiat 131 Racing e per Michele Marchetti e Maurizio Belfiore buoni terzi di classe con l’Autobianchi A112 Abarth gr.2

Sono sicuramente tutti impegnati nelle ricognizioni i quasi trenta equipaggi iscritti al Rally Elba Storico ed è praticamente impossibile tentare di menzionarli tutti senza incorrere in qualche dimenticanza. Sarà comunque una gara importante sia ai vertici della classifica assoluta con Piero Carissimi – navigato da Andrea Cecchi – e Roberto Montini in coppia con Giovanni Mattanza, sulle Porsche 911 gr.4; gara decisiva anche per Nicholas Montini e Michele Ognibeni (Opel Kadett Gt/e gr.2) ma anche per tutti gli altri piloti impegnati nelle rispettive classi.

Ci si attendono prestazioni al top sia dall’Opel Ascona gr.2 di Roberto Bussotti e Paolo Vallini, ai quali è stato assegnato un numero di partenza che proprio non ci azzeca con le loro prestazioni, che da Luigi Rocchetto e Michela Adriani su Porsche 911 gr.4 anch’essi alle prese con un numero altissimo di partenza.

Saltano agli occhi sia il notevole numero di piloti elbani che correranno con l’ovale azzurro del Team sulle fiancate, sia il gran numero di piloti in gara nel sempre più avvincente Trofeo A112 Abarth i cui numeri confermano la bontà dell’iniziativa che rappresenta un vero successo grazie sia ai piloti che lo animano, sia per merito di chi la cura a livello organizzativo e di promozione!