L’Ufficio Stampa del Rally Campagnolo, fornisce alcune informazioni riguardo il percorso con la descrizione delle prove speciali e gli orari di chiusura delle strade. A seguire si possono trovare notizie e curiosità sui protagonisti della gara e sulle Serie Ufficiali Csai.
Prova Speciale 1 – “Torreselle” (Km. 6.450) – Passaggio teorico 1° concorrente: ore 21,14 di Venerdì 20 Aprile – CHIUSURA STRADA : dalle 20.11 alle 00.11

La prova si trova ad un passo dalla partenza, inizia in un sottobosco in salita, ben guidato, con allunghi, interrotto da due tornanti molto spettacolari. Si passa poi in un misto guidato, sempre in salita, con uno stretto passaggio tra le case, segue un tratto guidato abbastanza veloce spezzato da altri tornanti, Ultimo allungo che passa vicino ad un tratto leggermente franato per arrivare al bivio che porta alla fase di discesa la quale inizia con due allunghi velocissimi, che portano a una destra su dosso anticipati da una chicane, di lì si scende ancora su un misto stretto a volte un po’ sporco con alcune curve che chiudono. Alcuni allunghi e tornanti portano al tratto finale molto veloce e guidato. Il fondo della strada è buono, leggermente abrasivo, potrebbe essere insidioso in caso di pioggia per la presenza di piante. Per il pubblico certamente consigliati i primi due tornanti, facilmente accessibili a piedi dalla piazza di Isola (990 metri dalla partenza), il bivio di Torreselle o a 600 metri dall’arrivo un largo e spettacolare tornante in discesa con ampio spazio e buona visibilità. Su quasi tutto il percorso la carreggiata è molto stretta ed è quindi impossibile parcheggiare le macchine lungo la prova, fatta eccezione della zona di Torreselle, dove il parcheggio è possibile nella zona della chiesa.

Prova Speciale 2 – 7 – “Cima” (KM. 7.450) – Passaggio teorico 1° concorrente ore 09.10 e 14.50 – Chiusura strada: dalle 8.10 alle 12.10 e dalle 13.50 alle 16.50 circa

La prova è raggiungibile da Monte di Malo con ampi parcheggi. Si comincia con una salita caratterizzata da stretti tornanti e tratti guidati con ampie curve, si scollina su un dosso cieco per poi giungere in discesa su una inversione molto stretta (bivio per i Massignani)si prosegue su un tratto stretto e molto guidato con fondo sconnesso fino a raggiungere il bivio per la chiesetta di Mucchione, la prova continua in discesa sempre su fondo sconnesso fino alla contrà Priara. Come punti spettacolari segnaliamo il bivio per i Massignani e l’ampio tornante situato verso il fine prova, si sconsiglia di parcheggiare le auto nei pressi del fine prova perchè la strada risulta molto stretta.

Prova Speciale 3 – 8 – “RECOARO 1000” (Km. 10,480) – Passaggio teorico 1° concorrente: ore 9.59 e 15.39 – Chiusura strada: dalle 08.59 alle 12.59 e dalle 14.39 alle 17.39 circa

Partenza Dalla Montagna Spaccata, subito impegnati in una ripida salita su un misto stretto e su alcuni spettacolari tornanti dove il fondo può essere insidioso in caso di pioggia. Passato il primo tratto “fisico” alcuni allunghi guidati, intervallati da altri larghi tornanti fino alla località Fongara, subito dopo l’abitato il fondo risulta più dissestato e caratterizzato dallo “storico” smottamento che causa il breve tratto sterrato, molto scivoloso. Passato lo sterrato si continua a salire su un misto guidato e un largo tornante in prossimità di una trattoria, per poco dopo scollinare nella piana di Recoaro Mille. Dopo il veloce allungo si imbocca l’ultimo tratto della speciale, caratterizzato da un fondo dissestato e insidioso in caso di pioggia, molto tecnico e impegnativo per la carreggiata ristretta in modo particolare nel sottobosco. Il tratto tecnico continua fino all’ultimo curvone

destro e allungo che porta all’arrivo. Prova speciale veramente tecnica e spettacolare. Al pubblico consigliamo sicuramente il tratto prima in prossimità di Fongare, caratterizzato da ampi spazi dove assistere alla gara in piena sicurezza e con ampia zona per il parcheggio (ci si arriva da San Quirico a strade ancora aperte). Un altro punto consigliato è sicuramente la piana di Recoaro Mille: ampissimi spazi per parcheggiare e per ammirare con massima sicurezza la gara, se il tempo lo permette questo è sicuramente un luogo adatto ad un pic-nic o ad una sosta nei numerosi locali.

Prova Speciale 4 – 9 – “ALTISSIMO” (Km. 7,230) – Passaggio teorico 1° concorrente: ore 11.23 e 17.08 – Chiusura strada: dalle 10.23 alle 14.23 e dalle 16.08 alle 20.08 circa

La prova è per la maggior parte in discesa con il tratto finale caratterizzato da carreggiata larga e fondo stradale ottimo. Si parte dalla località S.Caterina con un tratto di strada stretta e molto guidata fino a raggiungere i tornanti in località Campanella, la prova continua su un tratto più largo fino al paese di Altissimo per poi ritornare sullo stretto con fondo sconnesso fino all’abitato di Cortivo. Si torna sul largo con ampie curve e tornanti fino al fine prova situato prima di S.Pietro Mussolino. Per il pubblico è consigliato il bivio di Altissimo con ampi parcheggi (si raggiunge dal bivio con la Sp 39 in località S. Pietro Mussolino direzione Altissimo). Altro punto caratteristico, anche per il panorama, è il tratto nelle vicinanze della contrada Cortivo, da qui in piena sicurezza è possibile seguire dei lunghi tratti di speciale (si raggiunge dal bivio Sp 39 in località S. Pietro Mussolino in direzione Altissimo oppure dal centro di Altissimo scendendo in direzione S. Pietro Mussolino).

Prova Speciale 5 – 10 – “NOGAROLE” (KM. 8,500) – Passaggio teorico 1° concorrente ore 11.47 e 17.32 – Chiusura strada: dalle 10.47 alle 14.47 e dalle 16.32 alle 20.32 circa

Nemmeno il tempo di togliersi il casco e dopo pochissimi Km di trasferimento si inizia la prova di Nogarole, una classica del Rally Campagnolo situata nei Comuni di Chiampo e Nogarole, rivista per la versione 2012 in senso opposto rispetto allo scorso anno. Si parte da Via S.Daniele con un tratto molto ripido in salita, poco adatto per le macchine più piccole, si continua in un tratto molto guidato in falso piano fino ad arrivare al bivio di Nogarole per poi tuffarsi in una discesa con tornanti per tutti i gusti, dove anche i regolaristi con la trazione posteriore daranno spettacolo! Per il pubblico sono certamente consigliati alcuni tornanti in discesa, sulle zone riservate e il bivio di Nogarole facilmente raggiungibile dal centro del paese.

Prova Speciale 6 – 11 – “Gambugliano” (KM. 11.520) – Passaggio teorico 1° concorrente ore 12.51 e 18.36 – Chiusura strada: dalle 11.51 alle 15.51 e dalle 17.36 alle 20.00 circa

La prova speciale è veramente completa e molto tecnica, il fondo è molto buono con il tratto iniziale appena asfaltato. Inizia in Via Canove nel Comune di Gambugliano, si parte in salita e con una serie di tornanti spettacolari, continua su un tratto misto semi pianeggiante fino al centro Gambugliano per poi salire fino all’abitato di Ignago e scendere in un tratto molto guidato fino alle porte di Castelnovo. Per i pubblico sono consigliati i tornanti in salita raggiungibili da inizio prova, certamente la piazza di Gambugliano, la Piazza di Ignago e il bivio di Via Zovo. Tutti i punti sono facilmente raggiungibili e con possibilità di parcheggiare. Per il pranzo o qualche spuntino vi consigliamo i vari locali della zona situati in prova con ottimi prodotti tipici.

CURIOSITA’ E NOTIZIE SUI PROTAGONISTI

n. 1 – LUCIO DA ZANCHE : il Campione Italiano Rally Autostoriche 2011si presenta per la quinta volta alla partenza del rally che lo vide vincitore nel 2009 e nel 2011 e secondo classificato nel 2010. Corre nei rally storici da una decina di anni, sempre alla guida di Porsche 911 con le quali ha ottenuto negli anni scorsi delle prestigiose vittorie al Rally Alpi Orientali, Elba storico, Rally Sanremo, 1000 Miglia, Due Valli, Circuito di Cremona. Anche quest’anno fa coppia con Romano Belfiore e corre con una versione RSR 3.0 gr. 4 della berlinetta di Stoccarda, da sempre preparata dai Fratelli Melli di Colico (LC). Sicuramente uno dei favoriti per la vittoria in una rally che lo ha sempre visto esprimersi a livelli molto alti. Corre per il Rally Club Isola Vicentina.

n. 2 – ALBERTO SALVINI: toscano di Siena. Ha iniziato a correre nel 1998 con la Lancia Fulvia HF per passare poi alla Porsche 911 2.4 e dal 2006 si cimenta con la Porsche 911 3.0 RSR preparata dai Fratelli Balletti di Nizza Monferrato (AT) con le quali ha ottenuto diversi successi nei rallysprint toscani prima di ottenere la definitiva consacrazione nel Campionato Italiano con la vittoria all’Elba 2011 e i piazzamenti a podio a Sanremo e al 1000 Miglia. Alla sua sesta partecipazione al Rally Campagnolo non nasconde l’ambizione di puntare al successo finale dopo il bel piazzamento al 2° posto nel 2008 e nel 2011. Come sempre, Patrizio Salerno lo affianca sul sedile di destra. Corre per il Rally Club Isola Vicentina.

n. 3 – RICCARDO ANDREIS: il gentlemen-driver corre da pochi anni con le autostoriche ma lo ha sempre fatto al volante di una Porsche 911 RSR gr. 4 preparata dalla Buratto Racing di Padova. Corre per la Scuderia Car Racing di Caprino Veronese (VR) e alle note lo affianca Stefano Farina. Nel suo palmares le vittorie al Due Valli 2010 e alla Coppa Arena 2011. Sicuramente da tenere in considerazione per il successo finale, specie se andrà a piovere. Nella stagione attuale ha collezionato un terzo posto al Valsugana Rally.

n. 4 – NICOLA PATUZZO: anch’egli veronese, si alterna tra rally storici e moderni. Nel 2010 è giunto terzo nel Campionato Italiano ed ha vinto il Trofeo Nazionale del 3° Raggruppamento sempre con la Porsche 911 SC gr. 4 in coppia con Alberto Martini. Dopo un anno di pausa è ritornato in gara al recente Rally Sanremo. Omega Racing Team la scuderia.

n. 5 – GIAMPIERO CARISSIMI: vincitore del Trofeo Rally e vicecampione italiano 2010 su Opel Kadett Gt/e, il pilota ternano torna ad Isola Vicentina con la medesima vettura per ribadire la bella gara del 2010 dopo una stagione alla guida della Porsche 911 RS gr. 4. Nelle precedenti gare del 2012 si è messo in luce con due convincenti prestazioni ad Arezzo e a Sanremo che gli sono valse due belle vittorie di classe. Navigato dal pratese Andrea Cecchi, difende i colori del Team Bassano.

n. 6 – GIORGIO COSTENARO: corre su Lancia Stratos come alla fine degli anni ‘70! Tenta per la settima volta di conquistare il successo nella gara di casa; finora la fortuna non l’ha assecondato ma quest’anno parte più deciso che mai a ben figurare, dopo esser stato uno dei protagonisti della sfida 2011. Vicentino di Marostica; nel suo palmares si contano delle vittorie in rally nazionali tutte conseguite con Sergio Marchi alle note. Team Bassano la loro scuderia!

n. 15 – LUIGI CAPSONI: proviene da Alessandria ma è milanese d’adozione. E’ vice-campione italiano 2011 e detentore del Trofeo Nazionale del 1° Raggruppamento; dopo un passato come ottimo regolarista, a fine anni ’90 si getta nella mischia dei Rally Storici. Inizia con una Giulia GTV, passa alla Fiat 850 Coupè, alla Giulia Super, fino ad arrivare alle Alpine Renault che porta in gara in 3 versioni. Attualmente corre con una A110 1300 del 1969 con la quale ha vinto due volte il Challenge Milletrè Rallystorici, uno dei tanti titoli vinti oltre all’Europeo 2001, il Campionato Italiano 2003, il Trofeo Ruoteclassiche 2000. Lo naviga Lucia Zambiasi. Sono sicuramente i favoriti per la vittoria nel 1° Raggruppamento.

ALTRE NOTIZIE: tre gli iscritti stranieri: l’oramai habitué austriaco Guenther Kremel su Ford Escort GT; il già presente in edizioni scorse Pietro Galfetti che esordirà con un’Opel Monza ed infine l’ex campione europeo Michael Stoschek che dalla Germania arriverà per la prima volta ad Isola Vicentina con la Porsche 911 RSR. Da non sottovalutare saranno il locale Adriano Beschin oltre al velocista Giampaolo Mantovani sulla coupè di Stoccarda. Carissimi e Bucci avranno il loro daffare per la supremazia della classe 2-2000 che propone i veloci siciliani Diana su BMW 320i e Vazzana su Opel Kadett Gt/e. Interessante anche la sfida tra il quartetto di Ford Escort RS del 2° Raggruppamento: chi la spunterà tra Rino Righi, Dino Vicario, Rino Muradore e Maurizio Elia? Presenti anche i vincitori di Coppe Csai 2011 Russo – Sammicheli su Porsche 911 gr.3, Vicario-Cavagnetto su Ford Escort RS gr.2 e Righi – Iacolutti su analoga vettura. Anche le vetture più piccole saranno tra quelle che daranno vita ad un’entusiasmante sfida sportiva contando ben ventuno iscritti nella classe 2-1150 del 3° Raggruppamento, la più numerosa del rally grazie anche alla nutrita schiera di A112 Abarth in gara per il Trofeo. Un tocco di rosa lo portano i tre equipaggi femminili formati dalle vincitrici del Trofeo Femminile 2011 Luisa Zumelli e Paola Valmassoi su Porsche 911 S, dalle debuttanti al Campagnolo Isabella Bignardi e Paola Boggio su Porsche 911 Carrera e dalle beniamine del pubblico Lisa Meggiarin ed Anna Ferro in gara con l’Autobianchi A112 Abarth. Gianfranco Marconcini e la moglie Fernanda Ciardullo presenti su Porsche 911 S sono l’unico equipaggio ad aver corso tutte le edizioni del Campagnolo Storico oltre a quella del 1975 su Opel Ascona SR con gli pseudonimi “Slim” – Cathetus”, mentre la Lancia Stratos che porta in gara Silvio Andrighetti è quella con la quale corse il “mugnaio volante” Giovanni Casarotto. La piccola Peugeot 104 Zs di Luca Dalle Coste è la stessa che nel 1980 era utilizzata da Gianni Del Zoppo nell’omonimo Trofeo. Infine, per ricordare il giovane Mattia Stroppa che ci ha lasciato il giorno di Pasqua, verrà consegnato a tutti gli equipaggi partecipanti al rally e alla regolarità sport, un adesivo che dovrà essere posizionato sulla vettura quale omaggio alla memoria dello sfortunato ventitreenne pilota della Fiat 127.

LE SERIE UFFICIALI CSAI

TROFEO A112 ABARTH: giunto alla terza edizione, continua a dare segnali di vitalità e di grande interesse. Incerto il pronostico con Nerobutto vincitore prima gara 2012, Scremin vincitore Campagnolo 2010 e 2011, Zanotto vincitore Trofeo 2010, Sisani vincitore Trofeo 2011, Panato, Meggiarin a giocarsi la vittoria, ma nessuno degli iscritti è da sottovalutare specie in una gara difficile come il Rally Campagnolo!

CHALLENGE RALLY AUTOSTORICHE: sfide interessanti nella nuova serie ufficiale Csai dedicata alle cilindrate minori: nella “1300” il neo iscritto Cravero su Fiat 127 cercherà di contrastare Capsoni (Alpine A110) ma entrambi dovranno difendersi dagli attacchi del Trofeista Sisani. Tutti contro Bertocco (Golf Gti) nella classe 1600 e nella “2000” si assisterà alla sfida tra Carissimi e Bucci. Sedici i presenti, che potranno aumentare grazie al regolamento che prevede nuove iscrizioni entro il termine di chiusura delle verifiche sportive.

CHALLENGE ITALIA 2012: dieci in totale i protagonisti. Solo tre iscritti nel Fiat 127 Ri-Evo ma le scintille non mancheranno tra Mario Cravero, Oreste Pasetto e Claudio Romano. Numeri soddisfacenti per il Trofeo della Regina dedicato alle Lancia Fulvia presenti in numero di sette: l’attuale leader Caporale (1300S) dovrà vedersela col bresciano Giuliani (1300HF) oltre che con il veronese Trevisani ed il nuorese Gallu entrambi su 1300S. Sfida a tre per la supremazia tra le HF1600: in lizza Alessandro Ferrari, Stefano Maestri e Fabrizio Vaccani.