Va in archivio il secondo atto del Challenge Italia 2012 che anche al Rally Campagnolo ha proposto delle avvincenti sfide sportive. Erano tre le Fiat in lizza per il “127 RiEvo” e seppur latitanti alcuni degli annunciati protagonisti, lo spettacolo non è mancato: Oreste Pasetto navigato da Carlo Salvo e Mario Cravero con l’immancabile Oddino Ricca hanno ingaggiato una sfida realizzando tempi di notevole rilievo a livello assoluto.

Purtoppo a tre prove dal termine il “solito” problema alla trasmissione della 127 di Cravero ha messo fine ad una gara maiuscola: erano ventiduesimi assoluti e primi dell’affollata classe 2-1150 oltre che in testa al Trofeo! Ereditano così la ledership Pasetto e Salvo, comunque autori di un’ottima gara e portano la 127 Sport Gruppo 2 alla vittoria finale e al secondo posto di classe. Dopo il ritiro beffardo del Riviera Ligure, Claudio Romano e Lorenzo Lalomia con una gara senza sbavature prendono i primi punti per “127 RiEvo”. I sette gli iscritti al “Trofeo della Regina” dedicato alla Lancia Fulvia, dimostrano che queste gloriose vetture non erano sparite ma avevano solo bisogno di nuovi stimoli che stanno arrivando dall’iniziativa a loro dedicata. Purtroppo un problema burocratico ha privato della presenza degli esordienti Marco Trevisani e Gianleone Signorini su Lancia Fulvia 1.3 S della Scaligera Rallye.

La sfida tra le “1600” vede le scintille tra Alessandro Ferrari e Piero Commellato su Lancia Fulvia 1.6 HF del e Fabrizio e Vanni Vaccani su Lancia Fulvia 1.6 HF. I due veneti conducendo una gara d’attacco e senza errori hanno la meglio sul duo canavesano che recrimina per per un paio di errori di guida e per la scelta di usare gomme non proprio freschissime: soddisfatti comunque per la prestazione e per il comportamento della vettura che finalmente gira a dovere! Chiudono la classifica delle 1600 la HF di Stefano Maestri ed Andrea Giuliani. Il trio in lizza per la classe “1300” perde ben presto uno dei moschettieri: il nuorese Antonio Gallu navigato da Matteo Valerio alla seconda speciale mette fine alla lunga trasferta dalla Sardegna a causa di un problema meccanico.

Saranno Massimo Giuliani e Claudia Sora su Lancia Fulvia 1.3 HF della Scaligera Rallye ed Ermanno Caporale con Marcello Senestraro alle note, a bordo di una Lancia Fulvia 1.3 S a tenere alta l’attenzione con ripetuti scambi di posizione fino all’epilogo che ha visto i biellesi aver ragione sui coniugi bresciani per soli diciotto secondi. Col risultato ottenuto Caporale incrementa il vantaggio nella classifica assoluta del Trofeo e ovviamente in quella della classe “1300”.

Le classifiche sono state aggiornate e si sottolinea che sono stati corretti alcuni errori e ricalcolati i punteggi secondo quanto riportato nel regolamento della serie. Unica nota stonata la mancata premiazione dei trofeisti, episodio dovuto sicuramente a qualche incomprensione e che gli organizzatori assicurano non avranno modo di verificarsi in seguito.