La scuderia cuneese deve registrare il ritiro del ligure Pisi al Valli Imperiesi e del funambolico fossanese Mario Cravero al Lana Storico. I cuneesi Paolo Treves e Fulvio Astesana e la famiglia torinese Panero provvedono a lenire la delusione, mancando il podio di scuderia per appena 12 secondi.

“È la solita vecchia storia del bicchiere mezzo vuoto e mezzo pieno. Due ritiri e una vittoria di classe, un podio ed un arrivo cosa sono?”. Grande domanda da parte di Gianni Craveri, presidente della scuderia cuneese Zerosette che esamina i risultati del fine settimana appena trascorso in cui i torinesi Panero-Salsa hanno vinto la Classe 2000 GT del 2° Raggruppamento chiudendo al 21° posto assoluto della classifica del Rally della Lana Storico. L’equipaggio Astesana-Santini ha chiuso sul podio della Classe 2000 GTS del 3° Raggruppamento ottenendo anche la 19 posizione assoluta, mentre Treves-Demela hanno chiuso una posizione più avanti, ma fuori dal podio della Classe GTS oltre 2500 del 3° Raggruppamento. Ritiro per Cravero-Ricca al Rally Lana Storico e per Pisi-Cadore al 41° Valli Imperiesi

Nella gara ligure Alessio Pisi, si presentava al via con il navigatore pavese Fabio Cadore con la Punto Abarth JTD. “Questa è agonisticamente un’annata di transizione per impegni di lavoro e carenza di sponsor” commentava prima della gara il pilota di Camporosso (IM). “Per questo motivo ho rispolverato la Punto JTD con cui ho vinto il trofeo Abarth nel 2007”. Una vettura che Alessio Pisi ha curato personalmente nelle scorse settimane, ma che ha fatto le bizze fin dalla prima prova. Già nella speciale mattutina del Teglia la temperatura dell’acqua è salita alle stelle e nella successiva di Rezzo il tempo imposto per l’uscita di strada di un altro concorrente fa affondare l’equipaggio portacolori della Zerosette in fondo alla classifica. Dopo aver pagato un pesante ritardo al Controllo Orario la Punto sembra funzionare per il meglio e Pisi-Cadore staccano un ottimo 33° assoluto, che sembra essere l’inizio della rimonta. Ma è il canto del cigno per la Punto JTD che si ferma irrimediabilmente prima della prova successiva.

Altro pesante ritiro al Rally della Lana Storico di sabato e domenica scorsa. Mario Cravero e Oddino Ricca si sono fermati con un uscita di strada nel corso della prova di Campore, la seconda di domenica mattina. Il velocissimo pilota di Genola (CN) si presenta nel migliore stato di forma già sabato pomeriggio siglando il 22° tempo assoluto, ovviamente primo di classe 1150 Turismo Competizione del terzo Raggruppamento, nonostante un piccolo errore nell’inversione della speciale, quando il freno a mano non fa il suo dovere. Ma il capolavoro del portacolori della Zerosette arriva nel secondo passaggio della Lessona, quando stacca il quarto tempo assoluto, approfittando delle difficili condizioni meteorologiche. Si riparte domenica mattina con Cravero-Ricca in decima posizione assoluta, che siglano il 19° tempo assoluto nella corta Ternengo, per poi uscire di strada nella successiva Campore a causa dell’eccessivo surriscaldamento dei freni. “Sono arrivato alla staccata ed il pedale del freno è andato a fondo. Ho solo cercato di limitare i danni, ma purtroppo ho rotto una sospensione”.

I risultati positivi arrivano dal pilota di Borgo San Dalmazzo (CN) Paolo Treves affiancato dal navigatore di Villanova Mondovì (CN) Giampaolo Demela che conclude 18° assoluto con la Porsche 911 RS curata dalla EVO Motorsport con cui ha Treves vinto il rally della Valle d’Aosta a inizio maggio. “Come sempre ho faticato ad entrare in gara, perdendo tempo nelle prime prove speciali” commenta Treves “per poi dovermi impegnare in un recupero nelle prove del secondo giorno, quando sono arrivati tempi soddisfacenti, ma non tali da riportarmi nella top ten, anche perché con un simile elenco partenti stellare era pretendere troppo”. Ottima prova per Fulvio Astesana affiancato dal navigatore di Altare (SV) Claudio Santini che ha portato in 19^ posizione assoluta, terza di classe la difficile e nervosa Ford Escort RS anch’essa curata dalla EVO Motorsport di Savigliano. “La maggiore soddisfazione viene dal fatto che prendo sempre più confidenza con la Escort” commenta il pilota di Villafalletto (CN), che ha siglato anche un 13° tempo assoluto nella tormenta di sabato pomeriggio. “Domenica gli altri equipaggi, con più esperienza di me, sono risaliti in classifica, ma noi abbiamo effettuato tutte le speciali senza una sbavatura, mantenendo un passo veloce e costante”. Chiude la classifica della Zerosette la famiglia Panero di Pianezza (TO) che ha terminato al 21° posto assoluto, ottenendo il successo nella propria classe, vincendo tutte le prove speciali, con la 124 Abarth curata in proprio con la collaborazione di Rino Edmondo della Ro Rally. “Non abbiamo avuto problemi per tutta la gara salvo il caldo terribile” commenta Giovanni Panero, “ed il fatto che abbiamo raggiunto il concorrente che ci partiva davanti nella prima prova speciale. Dalla seconda abbiamo avuto due minuti e tutto è filato per il meglio” commenta la moglie Paola Salsa, navigatrice ufficiale della famiglia Panero, mentre il figlio Giampaolo, in questa occasione, era addetto all’assistenza ed all’immortalare le gesta dei genitori.

“Abbiamo conquistato il quarto posto fra le scuderie per appena 12” di ritardo dal podio” sottolinea Craveri. “Certo se Mario Cravero avesse concluso… Ma con i se e con i ma non si fa la storia delle gare. E poi anche in questa occasione i nostri rappresentati hanno raccolto una buone dose di successi”