Repubblica di San Marino. Un abbraccio di pubblico incredibile per quantità di presenze e calore, un meteo capriccioso che ha reso il fondo delle prove speciali scivoloso ed insidioso, quanto spettacolare per le evoluzione dei concorrenti. In questo contesto si è svolta e si è conclusa nella prima serata di oggi sabato 13 ottobre la prima tappa del 10° Rallylegend, che vede in testa alle classifiche provvisorie campioni di razza.

L’asso finlandese Markku Alen, in coppia con Ilkka Kivimaki, ha portato in testa al Legend Historic, la Lancia 037, che riesce ad interpretare sempre al meglio. Nonostante una penalità di 20 secondi per un involontario taglio di chicane, Alen ha preceduto il ceco Miroslav Janota, con Lukas Vyoral, con la Opel Kadett Gte del 1975 e il sammarinese Stefano Rosati, affiancato da Sergio Toccaceli, con la pimpante Talbot Lotus. Quarto il fuoriclasse ligure Gabriele Noberasco, con Loris Robba, al debutto con la impegnativa Audi Quattro. Settimo assoluto è il grande campione svedese Bjiorn Waldegaaard, con alle note Hans Thorszelius, con la impegnativa e splendida Mercedes 500 Slc del 1980. Ritiri importanti quelli del sammarinese Giuliano Calzolari, con Corrado Costa, a bordo della Ford Escort Rs del 1979, in testa alla gara nelle prime battute e quello di “Lucky”- “Rudy”, usciti di strada con la ammiratissima Ferrari 308 Gtb, con la quale avevano preso il comando delle operazioni.

Gustavo Trelles, il campione uruguagio, in coppia con Jorge Del Buono, è il leader tra le Legend Myth, le vetture Gruppo Speciale, pur essendo in pratica al debutto con la Toyota Celica St 205 “griffata” Magneti Marelli. Entusiasmante il duello con il veloce pilota toscano Manrico Falleri, con alle note Sauro Farnocchia, tradito però dal motore della sua Lancia Delta 16V quando era in testa al rally, dopo quattro speciali.

Al secondo posto è così salito il varesino Mauro Miele, con Luca Beltrame, con la Bmw M3, che precede la coppia Simone Romagna e Flavio Zanella, terzi con la Lancia Delta.

Attardato prima da una anticipo ad un Controllo Orario e poi da una penalità per taglio di chicane, il pluricampione iridato Juha Kankkunen, con Matti Janhunen, si è poi ritirato nel finale di tappa uno.

Netto dominio nel Legend Wrc del sammarinese Denis Colombini, in coppia con Roberto Scopel, a suo agio con la Peugeot 206 Wrc, con la quale ha regolato il toscano Tobia Cavallini, con Simone Scalabrini, che ha tirato fuori cose egregie dalla arzilla Subaru Impreza Wrc del 1999. Terzo alla fine della prima tappa il ceco Karel Trneny, con Stanislav Kafka, con la Skoda Octavia Wrc. Ritirato dopo la quinta speciale il campione estone Makko Martin, per problemi alla Ford Focus Wrc che aveva a disposizione.

 

RALLYLEGEND: IL PROGRAMMA DI GARA DI DOMENICA 14 OTTOBRE

La giornata di domenica 14 ottobre prevede la disputa della seconda e conclusiva tappa di Rallylegend, con partenza prevista alle ore 10.00 da Rallylegend Village ed arrivo alle ore 15.15 nella stessa location, con premiazione finale prevista sulla pedana di arrivo.

Quattro le speciali in programma “San Marino” e “Serravalle”, da ripetere due volte ciascuna.

Questi gli orari delle prove speciali:

San Marino       ore 10.32 e ore 14.46

Serravalle         ore 11.10 e ore 14.14