Solo una errata scelta di gomme nella prima salita nega al pilota bolognese il terzo successo nella gara di casa: 2° assoluto per soli 0”655 !

Il tris è sfuggito per soli sette decimi di secondo: un battito di ciglia, uno schiocco di dita: un’inezia. Mauro Argenti ha creduto fino all’ultimo metro di poter scrivere per la terza volta il suo nome nell’albo d’oro della Bologna-San Luca ma il sogno è sfumato per poco.

Podio Bologna San lucaIl pilota emiliano era partito con i migliori presupposti dato che già nella giornata di sabato aveva preso ottima confidenza con la Porsche 911 del team bresciano Guagliardo: il portacolori della Scuderia Bologna Squadra Corse durante le sessioni di qualifica ha ottenuto il miglior parziale assoluto lungo il tracciato petroniano di circa due chilometri. La forte pioggia che si è abbattuta sul percorso di gara però, ha indotto gli organizzatori ad eliminare una salita rendendo fondamentali solo due manche. L’errata scelta di gomme azzardata da Argenti lo ha allontanato dalla vetta che dopo la prima tornata si trovava a circa quattro secondi. Anziché darsi per vinto, il caparbio driver ha dato il meglio di sé nella seconda salita realizzando il miglior parziale di giornata e recuperando quasi tutto il gap al diretto avversario Ildebrando Motti, poi risultato vincitore finale per soli 0”655.

“Suona un po’ come una beffa questa seconda posizione- ha detto Mauro Argenti- ma le corse son o anche questo. Noi abbiamo sbagliato gomme e abbiamo perso troppo tempo: gestire gli oltre 300 cavalli della Porsche era impensabile specie con pneumatici non adatti ad una pioggia così incessante. Devo però constatare che il Team Guagliardo è stato eccezionale e la vettura messami a disposizione era un vero e proprio bolide!”

Resta alla firma di Argenti il miglior tempo di giornata, quell’ 1’12”484 che fino all’edizione 2014 accompagnerà le speranze di tris per la Bologna-San Luca.