Ancora un risultato di assoluto rilievo per la scuderia Biella Corse Historic Team che al Memorial Conrero di Aglié, che si è corso questo fine settimana (19 e 20 aprile) nel Canavese, in provincia di Torino, è salita sul podio assoluto di tutti e tre i raggruppamenti della gara, aggiudicandosi anche la Coppa Scuderie.

Nella “virtuale” classifica assoluta della gara (“virtuale” perché nei rally storici, com’è noto, contano le classifiche dei raggruppamenti più che l’assoluta) Federico Ormezzano e Alberto Mello, pur essendo la loro Talbot Sumbeam Lotus 2.2 una vettura di potenza inferiore rispetto a quella di molti avversari, hanno chiuso la gara al secondo posto assoluto, secondi nel 3° raggruppamento e primi della classe 2 fino a 2500 cc.

Va detto che l’equipaggio biellese ha battagliato quasi fino alla fine del rally per la prima posizione assoluta: ma quando, sulla seconda Alpette (prova molto veloce, dove le Porsche sono giocoforza favorite) si sono ritrovati con una gomma che si andava via via afflosciando, non hanno potuto far altro che stringere i denti, chiudere la prova con ben 2 minuti e 13” di ritardo dal vertice (il diciottesimo tempo assoluto) e mirare quindi a mantenere un secondo posto che, fino a quel momento, non era mai stato messo in discussione.

Nel 2° raggruppamento, invece, a “farsi vedere” sono stati Ermanno Caporale e Marcello Senestraro, che con la loro Lancia Fulvia HF 1.6 hanno chiuso al tredicesimo posto assoluto conquistando, nella classifica del 2° raggruppamento, il terzo gradino del podio nonché il secondo posto nella classe 4 fino a 1600 cc.

Da incorniciare il loro sesto tempo assoluto sulla settima prova speciale, ottenuto sotto un vero e proprio diluvio e a discapito di vetture ben più recenti e potenti.

Primo posto assoluto, invece, nella classifica del 1° raggruppamento, per Silvio Ubertino e Simona Mantovani, che con la loro non giovanissima Porsche 911 S hanno chiuso al ventesimo posto assoluto e vinto anche la classe GT/2000 del loro raggruppamento.

Grazie alle prestazioni di questi tre equipaggi, a Biella Corse Historic Team è stata attribuita, vera e propria “ciliegina sulla torta”, la coppa dedicata alle scuderie, che è stata ritirata dal presidente, Alberto Negri.

Sfortunata è stata invece la gara degli altri equipaggi al via nella categoria “rally”.

Per Maurizio Cochis e Milva Manganone la gara è durata solo tre prove speciali: un problema meccanico alla loro Autobianchi A 112 Abarth li ha costretti al ritiro già prima della fine della prima tappa.

Maurizio Stasia e Massimo Pezzini, invece, si sono dovuti fermare il giorno dopo, nel primo passaggio sulla Alpette (sesta speciale della gara) per una rottura meccanica della loro Triumph TR7.

Stessa sorte, una prova più tardi, per Isabella Bignardi e Paola Boggio, equipaggio femminile in gara con un’Opel Kadett GT/E 2.0. Davvero un peccato, perché erano state a lungo, oltre che in testa alla classifica femminile, a ridosso della “top ten” assoluta della gara.

Va ricordato che Biella Corse Historic Team era al Conrero con sei equipaggi nella categoria Rally Storico, sette nella Regolarità Sport e quattro nella “Sfilata”; più l’apripista 00, Dario Tosetti, che ha portato al debutto la sua Mitsubishi 3000 GT VR4.