Lo scozzese Callum Guy vuole confermare quanto di buono fatto lo nelle gare di inizio anno, Fulvio Astesana da Villafalletto ripetere la bella prestazione del 2012, mentre Mario Cravero da genola ha numerosi sassolini nella scarpa da togliersi

Una magnifica tripletta per una delle gare più importanti del panorama italiano dei rally storici. In questo modo si presenta la scuderia cuneese Zerosette, che schiererà nella gara biellese un trittico di equipaggi, tutti intenzionati a svettare nelle rispettive classifiche di categoria e non solo. I primi a scendere il palco della pedana biellese saranno gli scozzesi Callum Guy-Fred Bell con la loro Ford Escort RS Gruppo 4 con la quale hanno fatto scintille sia nel Rally di Sanremo e sopratutto in un bagnatissimo Memorial Conrero, in cui ha chiuso terzo assoluto, dimostrandosi in grado di competere per i vertici della classifica assoluta.

Secondo equipaggio a prendere il via sarà quello formato dal cuneese di Villafalletto (CN) Fulvio Astesana e dal savonese di Altare Claudio Santini che disporranno di una Ford Escort RS gruppo 4 curata dalla Evo Motorsport di Carmagnola (TO). Astesana colse una delle prime e più importanti soddisfazioni con la Escort proprio al Biella dello scorso anno, quando chiuse 19esimo assoluto, ottenendo riscontri cronometrici di assoluto rilievo e, soprattutto, acquisendo grande familiarità con la nervosa berlinetta inglese.

Chiude il trittico Zerosette Mario Cravero, affiancato come sempre da Oddino Ricca, con la Fiat 127 Gruppo 2, una vettura che pur piccola di cilindrata consente al “baffo” di Genola di proporsi ai vertici delle classifiche assolute spesso e volentieri. “Ho parecchi sassolini nella scarpa da togliermi”, commenta Mario Cravero. “Lo scorso anno a Biella sono riuscito a staccare il quarto tempo assoluto, nella prova di Lessona dovendo ritirarmi subito dopo nella speciale di Campore per un uscita di strada a seguito di un problema ai freni che non hanno risposto nel migliore dei modi. Anche al recente Memorial Conrero è stata un’uscita di strada a fermarmi, quando ero terzo assoluto”. Mario Cravero è uno dei pochi piloti a fare un indiavolata danza della pioggia, situazione che permetterebbe alla agilissima 127 CL Gruppo 2 di competere per i vertici della classifica assoluta. Ombrelli aperti o chiusi, comunque, Mario Cravero sarà uno dei grandi protagonisti del Lana Storico.

foto Stefno Romeo