Queste vetture Porsche, Audi, Lancia e molte altre sono state progettate e costruite nei primissimi anni ’80 da professionisti delle case costruttrici che le davano in mano ai Campioni di allora come Mikkola, Blomqvist, Mouton, Rorhl, Biasion, Toivonen e molti altri.
Dopo un lungo letargo restaurate come pezzi preziosi e messe a dimora in garages come salotti, alcune sono state riscoperte e rimesse su strada, altre rifatte o ricostruite ex novo da modelli di allora attorno al 1981 seguendo le odierne fiches tecniche della Fia per i Rally Storici dell’Europeo.
Dicevamo che vanno ancora forte dopo più di trentanni dal loro esordio, Si ma quanto ? Tanto anzi tantissimo se sono portate in gara da un Campione del calibro di Latvala, dal 2012 possono correre anche alcuni modelli del famoso Gr.B i primi modelli come l’Audi Quattro A1 non il mostro e la Lancia 037.
Dopo un primo apprendistato queste vetture si sono subito rivelate molto performanti anche se non proprio facili se condotte da gentlemen drivers che si volevano solamente divertire; però come dicevo prima se portate da un Grande Campione ecco che vengono fuori tempi davvero ragguardevoli soprattutto se li paragoniamo alle vetture moderne che hanno a disposizione tuttaltra tecnologia.

image28Mi riferisco a un esempio reale, stesso meteo sole e secco, stessa prova speciale finlandese su terra Koukumma/Karkola di km. 13,73 stesso pilota Jar-Matti Latvala sempre in gara e non durante i test, due vetture differenti Ford Fiesta Wrc Moderna 2011 contro Audi Quattro Gr.4 Storica 2014 Unica differenza durante il moderno il ragazzaccio tirava come un assatanato e vinse la prova speciale contro personaggi del calibro di Loeb, Hirvonen, Ogier, Solberg piloti professionisti che si giocavano il Mondiale 2011gente che non ti da spazio ne tempo di divertirti, durante lo storico di quest’anno Jari-Matti si stava davvero divertendo con la sua Audi sulle sue strade dopo aver rivinto solo sei giorni prima il Rally del Mille Laghi, non me ne vogliano i gentlemen driver dell’Europeo Fia ma ne sono certo per tanto che abbia tirato e si sia divertito non si è certamente impegnato a fondo come nel moderno.

image27Chiariti questi preliminari e messe le dovute tare ecco i tempi fatti segnare:
con la Fiesta Wrc 7:09.8 con l’Audi Quattro 7:30.2 una differenza di soli “20.4 praticamente meno di 1,5 sec./km. Tempi al pari di vetture moderne come le S.20 incredibile pensare che una vettura di trentanni prima con una tecnologia seppur avanzata ma mai al pari di oggi potesse fare tempi di questo livello.

Queste vetture storiche sono ancora molto ma molto performanti, se portate in gara da piloti che ne sanno sfruttare il loro potenziale tecnico che ne conoscono pregi e difetti e caratteristiche da sfruttare per farle viaggiare come e anche più di una volta.

Bravi tutti equipaggio, team, tecnici e gommisti.

Copyright © Rally.it: puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale.