Questo fine settimana Pistoia sarà nuovamente sotto i riflettori dell’automobilismo nazionale grazie alla 16^ edizione della Rievocazione Storica della Coppa della Collina, classico appuntamento che ogni anno vede arrivare in città ed in provincia i sempre numerosi partecipanti al Campionato Italiano Regolarità Autostoriche.

L’evento, organizzato dal Veteran Car Club in collaborazione con l’Automobile Club Pistoia, è il settimo appuntamento stagionale dei tredici in calendario ed ha ancora il patrocinio della Provincia e dal Comune di Pistoia. E’ uno degli eventi più conosciuti ed apprezzati a livello nazionale nel settore della regolarità per vetture storiche, per il territorio, quindi, rappresenta un’occasione irrinunciabile per comunicare le proprie bellezze e particolarità,  rendendo dinamica ed anche accattivante la propria immagine.

Si è arrivati a quota 92 presenze, quindi un successo, in un momento estremamente difficile, sotto l’aspetto economico per l’automobilismo. Il merito è dato al lavoro di regia del Veteran Car Club, dietro le quinte, ispirato soprattutto dalla passione  – perché l’automobilismo é soprattutto passione  di proposte in linea con le aspettative dei concorrenti, di un percorso sicuramente affascinante e ricco di ricordi storici e di una organizzazione che in ogni caso ha sempre guardato a cementare rapporti di forte amicizia e stima con i partecipanti.

Al via della competizione, un amalgama di sport, storia e passione, ci saranno di nuovo molti dei migliori interpreti nazionali della “regolarità”, al volante di vetture di grande fascino. Vetture che descrivono molti momenti importanti di storia dell’industria automobilistica  mondiale, andando ad abbracciare molti decenni del secolo scorso a partire, ad esempio, dalla Fiat 508 Sport Ghia del 1932 (con la quale ebbe inizio la motorizzazione di massa in Italia), sino alle più recenti Autobianchi A112 Abarth del 1981 o Fiat Ritmo 130 TC del 1984, passando per svariati altri modelli di Alfa Romeo, BMW, Citroen, Ermini, Fiat, Innocenti, Lancia, MG, Porsche, Triumph, Volvo, tutti “pezzi” di alto pregio ancora estremamente efficienti.

IL PERCORSO IN PARTE RIVISTO

Nuovi stimoli, per la gara stessa e per i partecipanti, quest’anno, con una importante variazione del percorso di gara. Si distinguerà in due fasi: la prima quella “tradizionale” che porterà i concorrenti verso il celebre tracciato consolidato della Riola, con sosta all’Acquerino per la gradita colazione a base di prodotti tipici (pane appena sfornato, salumi, formaggi, ecc.) poi verso Monachino, Badi, Taviano e sulla strada “bolognese” fino a Pistoia.

Per il secondo giro di sfide con il cronometro si cambierà versante di territorio, andando a risalire dalla strada del Vincio, verso Momigno, Prunetta Le Piastre, per poi fare ritorno a Pistoia e portare le sfide verso i tornanti della Collina, percorso tradizionale della corsa di velocità alla quale questa rievocazione rende merito.

Poi è prevista la sosta alla località di Signorino per il buffet prima di affrontare le  prove cronometrate del “piazzone” al passo della Collina, valide per l’aggiudicazione del  trofeo dedicato all’ingegner Carlo Chiti.

La seconda fase si svolgerà tornando nella pianura pistoiese, attraversando i comuni di Casalguidi, Quarrata, Agliana immersi nel verde dei vivai, poi si tornerà nella zona di Sant’Agostino per affrontare le ultime prove molto tecniche, prima dell’arrivo, in Viale Italia.

PROGRAMMA DI GARA

Sabato 23 maggio, dalle ore 15,30 alle ore 19,30, saranno effettuate le verifiche amministrative e tecniche presso l’Hotel Villa Cappugi, mentre domenica 24, alle ore 8,30, avverrà la partenza della gara dal Viale Italia, per concludersi sempre lì alle ore 15,02 dopo aver percorso 184,390 chilometri di gara ed effettuato ben 60 prove cronometrate e 5 controlli orari.

I comunicati stampa non riflettono necessariamente le idee della redazione di rally.it, pertanto non ce ne assumiamo la responsabilità. Per comunicare con il responsabile del comunicato stampa contattateci, vi forniremo le indicazioni necessarie per comunicare con il relativo ufficio stampa.