L’adriese, alla guida della Fiat Ritmo 130 gruppo A ed in coppia con la moglie Melissa Ferro, chiude al terzo posto assoluto nel 4° Raggruppamento e primo in classe E3.

Matteo Luise vede finalmente la luce in fondo al tunnel di un periodo particolarmente sfortunato e torna a brillare nel Campionato Italiano Rally Auto Storiche salendo sul terzo gradino del podio di 4° Raggruppamento, nonché dodicesimo assoluto e primo in classe E3, al termine di un Rally dell’Isola d’Elba caratterizzato da mutevoli condizioni meteo che hanno mietuto vittime illustri.
Per il pilota adriese cogliere la terza piazza con la propria Fiat Ritmo 130 gruppo A alle spalle di vetture ben più performanti quali la Lancia Rally 037 di “Pedro” e la Toyota Celica di Pautzzo, nella massima serie tricolore di specialità alla quale si sono aggiunti i partecipanti al FIA European Historic Rally Championship, ha il sapore di quel riscatto da tanto tempo inseguito.

“Finalmente siamo riusciti ad esprimerci con costanza e senza intoppi” – racconta Luise – “perchè è da quando la Ritmo ha messo le ruote in strada che non siamo mai riusciti a concludere una gara. Ottenere una prestazione di buon livello in un contesto altamente competitivo, visto il parco partenti dell’italiano e dell’europeo qui presente, è per noi motivo di orgoglio e soddisfazione. Non ci siamo mai arresi alle avversità e questo è il frutto di tanto duro lavoro. Grazie in particolare Luca, che mi ha anche aiutato nella preparazione della Ritmo, ad Alberto e a Nico perchè questo risultato è anche merito della loro passione e dedizione.”

Il 28° Rally Elba Storico, valido come penultimo round del CIRAS e per l’europeo, vedeva al via tutti i più blasonati protagonisti di entrambe le serie.
Dopo aver percorso la prima prova in trasferimento sulla successiva Cavo Volterraio Luise, affiancato dalla moglie Melissa Ferro alle note, archiviava la frazione serale del Giovedì al diciottesimo posto assoluto, con un margine di 43”8 sull’austriaco Reitsperger, diretto rivale in classe E3.
La seconda frazione di gara si apriva all’insegna della pioggia e per il polesano i fantasmi del passato tornavano a farsi sentire: l’annullamento della prima prova di giornata e la successiva foratura sulla Due Colli sembravano poter indirizzare la trasferta verso una direzione negativa.
Deciso a non mollare Luise gestiva nel migliore dei modi l’imprevisto, uscendo dalla speciale senza riportare danni alla vettura, per concludere la prima tappa con un buon sedicesimo nella generale davanti, sul bagnato, a vetture quali Audi Quattro, Ford Sierra RS Cosworth, Porsche 911 SC ed altri mezzi ben più dotati.
La giornata conclusiva del Sabato, disputata su fondo asciutto, vedeva il deciso cambio di ritmo del pilota di Adria che staccava tempi di tutto rispetto sino all’undicesimo parziale assoluto, segnato sul tratto cronometrato finale, quello di Cavo Bagnaia, che ne consacra il risultato.

“È stata una gara difficile per i cambi di meteo” – aggiunge Luise – “ma anche questo è il bello dei rally dove non conta solo accellerare ma anche saper gestire le situazioni più delicate. Siamo molto soddisfatti di aver messo dietro dei macchinoni. Speriamo di ripeterci al Due Valli.”

I comunicati stampa non riflettono necessariamente le idee della redazione di rally.it, pertanto non ce ne assumiamo la responsabilità. Per comunicare con il responsabile del comunicato stampa contattateci, vi forniremo le indicazioni necessarie per comunicare con il relativo ufficio stampa.