Il campionato italiano Rally sta per iniziare e per il Rally del Ciocco abbiamo contattato il toscano Leopoldo Maestrini, che assieme all’amico Daniele Michi, affronteranno le gare più prestigiose a bordo della performante Skoda Fabia R5 della PA Racing. Le sorprese non si esauriranno con questa semplice intervista ma come anticipato al termine del Rally Due Valli 2017, Maestrini e Michi terranno un “Diario dell’equipaggio” che leggerete nel dopo gara. Non sarà un cronologico del loro risultato o della loro prestazione ma toccherà quegli aspetti, talvolta sotto forma di imprevisti o curiosità, che i Rally sanno ancora proporre.
Ora sotto con le classiche domande di rito.

1. Rally del Ciocco, gara di casa, sensazioni personali e caratteristiche di questa gara.
Il Rally del Ciocco non lo definirei proprio la gara di casa. Magari potrebbe diventarlo il prossimo anno, quando avrò affrontato almeno una volta tutte le gare del campionato… per adesso diciamo che è una gara a cui tengo particolarmente. C’è voglia di fare bene davanti a chi verrà a sostenerci ed essendo la prima a calendario c’è l’esigenza di partire con il piede giusto. Credo che l’incognita meteo sia una variabile che giocherà un ruolo decisivo.

2. Skoda Fabia R5, una delle migliori auto. Cosa pensi della vettura e della PA Racing con cui hai avuto modo di correre.
La Skoda Fabia non ha certo bisogno di presentazioni visto che sono in molti a definirla la “prima della classe”. Sicuramente avere alle spalle un team di assoluto livello come PA Racing è importante sotto tutti i punti di vista. Un organizzazione impeccabile sotto lo sguardo di Alessandro Perico, un gran pilota ed una persona fantastica. Credo che la sua esperienza nel Campionato Italiano Rally si riveli molto utile, per me è stata una piacevole scoperta. Mi sta supportando molto in questa fase di crescita e per questo non posso fare altro che ringraziarlo.

3. Il campionato italiano 2018 pare tra i più combattuti da diversi anni a questa parte. Come l’affronterai e cosa ne pensi in generale.
Credo che il format scelto dalla federazione pagherà in termini positivi, quello di questo anno si preannuncia molto combattuto ed affollato per la lotta ai vertici sia per quanto riguarda il confronto assoluto che il Campionato Italiano Rally Asfalto. Per quanto mi riguarda, l’obiettivo è quello di portare a conclusione ogni gara, tenendo sempre a mente che si tratta della prima esperienza in un contesto del genere. Sarei un pazzo a pretendere di più.

4. Daniele Michi ti affiancherà per l’intera stagione, un giudizio.
Con Daniele siamo, prima di tutto, amici. E’ come una persona di famiglia per me ed anche lui non ha certo bisogno di presentazioni. Un copilota con molta esperienza alle spalle, ci compensiamo a vicenda. E come nelle migliori famiglie, ci sono anche discussioni che finiscono in risate nel giro di pochi minuti.

5. Chi vuoi ringraziare?
I ringraziamenti vanno a tutti i partner che mi stanno sostenendo in questa programmazione, la mia famiglia ed ovviamente Alessandro Perico per il tempo che sta mettendo a disposizione nel mio percorso formativo.

In attesa del 1° “Diario” Rally.it ha già programmato la doppia trasferta CIR: “Ciocco” e “Sanremo”.

Copyright © Rally.it: puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale.