Copyright Jaanus Ree / RedBull Content Pool

L’Adac Rallye Deutschland parte nello stesso modo in cui si era conclusa la campagna finlandese, è infatti la Toyota Yaris di Ott Tanak e Martin Jarveoja a guardare tutti dall’alto.

L’estone, sui velocissimi 5,2 Km. della prova di apertura, la St. Wendeler Land, affrontata già questa mattina in qualità di shakedown, ha staccato il miglior tempo regolando nell’ordine il vincitore del Rally di Sardegna Dani Sordo (8 decimi di ritardo) e la Citroen C3 WRC del Campione del Mondo Sebastien Ogier (9 decimi).

Una classifica cortissima, che vede i primi otto piloti della graduatoria racchiusi in 1,9 secondi. Il quarto posto è appannaggio del terzo moschettiere a caccia del titolo mondiale, Thierry Neuville. Kris Meeke e Jari-Matti Latvala sono quinto e sesto, a 1,4 e 1,6 secondi dal compagno di squadra Tanak. Settimo è Esapekka Lappi, autore di un lungo in una chicane che lo avrebbe potuto proiettare in una posizione ben più alta, mentre l’ottavo posto è di Teemu Suninen.

Andreas Mikkelsen con la terza Hyundai è nono, ritardato di 2,5″ da Tanak. Il norvegese, al ritorno su asfalto dopo Monte-Carlo, era convinto di aver forato dopo una piccola toccata, per cui ha affrontato la prova di apertura in modo cauto. Chiude la top ten la Ford Fiesta WRC di Gus Greensmith.

Nel WRC2 Pro, Kalle Rovanpera è il primo leader, con il fresco vincitore del Barum e compagno di squadra Jan Kopecky ad inseguire a un secondo. Mads Ostberg occupa la terza posizione, mentre Eric Camilli con la nuova Ford Fiesta R5 è quarto.

Nel WRC2, vetta provvisoria per il beniamino di casa Fabian Kreim su Skoda Fabia R5, inseguito dalle VW Polo di Stephane Lefebvre e Kajto Kajetanowicz. Fabio Andolfi è settimo di categoria, con 2,6″ da recuperare al teutonico. Simone Tempestini è invece undicesimo, mentre Pedro (Ford Fiesta R5) nel momento in cui scriviamo è quindicesimo.

Saranno tre le prove in programma per domani, da ripetersi due volte ciascuna, per un totale di circa 100 Km. contro il tempo.

Copyright © Rally.it: puoi ripubblicare i contenuti di questo articolo solo parzialmente e solo inserendo un link al post originale.