Paolo Porro © Fabrizio Buraglio

Folta partecipazione sugli asfalti friulani del Piancavallo per il primo appuntamento con la serie IrCup con Porro, Avbelj, Giovanella e Biasion; oltre all’outsider Griso. Lovisetto iscritto tra le file del Nazionale.

La stagione 2021 dell’International Rally Cup inizia questo fine settimana, nei giorni compresi tra venerdì 30 aprile e domenica 2 maggio, sulle strade del 34° Rally Piancavallo.

La squadra scledense non si fa trovare impreparata allo start del prestigioso campionato e schiera quattro agguerriti equipaggi. Apri-fila a Pordenone, su Skoda Fabia R5 EVO, saranno Paolo Porro con Paolo Cargnelutti, reduci dall’ottimo bronzo al recente Rally delle Palme e subito alla ricerca di un passo-gara che gli consenta di contendersi il titolo con gli avversari, assieme agli sloveni Bostjan Avbelj e Damijan Andrejka, capaci di mettersi fortemente in luce al Bassano 2019, raggiungendo addirittura la seconda posizione assoluta, e ora desiderosi di conquistare un titolo prestigioso, come risulta essere quello promesso dalla serie IrCup.

Si lanciano alla carica del campionato, iscritti tra le fila di una tanto folta quanto combattuta classe, promettendo di vendere cara la pelle, anche Fabrizio Giovanella e Andrea Dresti, “in sella” ad una Peugeot 208 Rally4; oltre a Mathieu Biasion, esperto pilota francese intenzionato a lasciare il segno sul territorio italico, navigato da Philippe Coquard con il quale dividerà l’abitacolo di una Renault Clio S1600.

Non iscritto alla serie, ma presente come outsider di lusso, il vicentino Michele Griso, riuscito a conquistare il podio al 1° Rally del Bardolino e presente sulle strade friulane per “seminare il panico” tra le vetture di categoria R5 con la sua Ford Fiesta, nuovamente affiancato da Elia De Guio.

Stesso evento, ma in versione Nazionale, per il patavino Gianmarco Lovisetto, con alle note Ivan Gasparotto, in gara con una Citroen DS3 R5 con la quale andrà a ricercare un posizionamento da top-five.

Ufficio Stampa: MS Munaretto

I comunicati stampa non riflettono necessariamente le idee della redazione di rally.it, pertanto non ce ne assumiamo la responsabilità. Per comunicare con il responsabile del comunicato stampa contattateci, vi forniremo le indicazioni necessarie per comunicare con il relativo ufficio stampa.