Enrico Oldrati © Fabrizio Buraglio

Finale del Campionato Italiano Rally Terra in Toscana con due brillanti terraioli in cerca di una prestazione altisonante.

Il Campionato Italiano Rally Terra, sugli sterrati del 12° Rally Liburna Terra, giungerà questo fine settimana, nei giorni 5 e 6 novembre, al suo epilogo.

In auto, per difendere il vessillo di MS Munaretto, due giovani ma esperti “terraioli”, pronti a vender cara la pelle per chiudere in bellezza il campionato.

Skoda Fabia R5 EVO per Enrico Oldrati, con alle note Elia De Guio, reduce da una brillante performance allo scorso Rally dei Nuraghi, che ancora una volta lo ha visto andare a punti confermandone le pregevoli doti di guida, al via puntando ad un podio che gli permetta di concludere il tricolore terra con il giusto appagamento.

Sulle prove toscane, anche lui con una Skoda Fabia R5 EVO torna in gara, dopo aver saltato gli ultimi due appuntamenti, Edoardo Bresolin, coadiuvato dall’esperto Rudy Pollet. Il talentuoso pilota bassanese, capace di iniziare la propria stagione con un brillante secondo posto al Rally Adriatico, sarà chiamato a dare il tutto per tutto per raggiungere una posizione di vertice, ampiamente nelle sue corde, e al contempo scrollarsi di dosso la sfortuna che lo ha accompagnato tra Sardegna e San Marino.

La manifestazione, dislocata sui mitici sterrati della provincia di Pisa che hanno fatto la storia del mondiale rally, vedrà lo svolgimento di nove prove-speciali per una lunghezza totale di 76,880 km cronometrati.

Ufficio Stampa: MS Munaretto

I comunicati stampa non riflettono necessariamente le idee della redazione di rally.it, pertanto non ce ne assumiamo la responsabilità. Per comunicare con il responsabile del comunicato stampa contattateci, vi forniremo le indicazioni necessarie per comunicare con il relativo ufficio stampa.